Lucio Fontana a Monfalcone con la mostra ‘Lucio Fontana e i mondi oltre la tela. Tra Oggetto e Pittura’

Prof.-Giovanni-Granzotto_Curatore-IMG_0704-A.jpg

La mostra Lucio Fontana e i mondi oltre la tela. Tra Oggetto e Pittura, a cura di Giovanni Granzotto e Leonardo Conti, realizzata dal Comune di Monfalcone, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della BCC Staranzano e Villesse, sponsor tecnico Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia, s’inaugura sabato 7 dicembre, con un evento pubblico al Teatro Comunale di Monfalcone, alle 17.00, cui seguirà, alle 18.00, l’apertura ufficiale della mostra alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone, alla presenza di molti degli importanti artisti le cui opere sono esposte in mostra.
Sono previsti gli interventi del Sindaco di Monfalcone Anna Maria Cisint, dell’Assessore al patrimonio, demanio, servizi generali e sistemi informativi della Regione Friuli Venezia Giulia Sebastiano Callari, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Monfalcone Luca Fasan, del Presidente di BCC Staranzano e Villesse Carlo Antonio Feruglio, e gli approfondimenti critici del Consigliere comunale Mauro Steffè e dei curatori Giovanni Granzotto e Leonardo Conti.

“La mostra Lucio Fontana e i mondi oltre la tela. Tra Oggetto e Pittura” – ha sottolineato l’Assessore alla cultura Luca Fasan durante la visita in anteprima riservata alla stampa – ben simbolizza il parallelismo tra pensiero spazialista e indirizzo di governo, da sempre orientato alla qualità della proposta, alla divulgazione della conoscenza e alla tutela e valorizzazione delle nostre imprese”.
“L’esposizione di Monfalcone” – ha spiegato il curatore Giovanni Granzotto  – intende il lavoro di Fontana come un incipit che dà vita: i celebri tagli e buchi diventano idealmente altrettanti passaggi attraverso i quali lo spettatore può andare alla scoperta di altri mondi artistici, in cui numerosi maestri hanno proseguito le suggestioni e le illuminazioni fontaniane, ampliandole e approfondendole”.

La sezione dedicata ai protagonisti dello Spazialismo riunisce le esperienze artistiche lombarde e, soprattutto, veneziane, tra il 1948 e il 1958: le idee fontaniane s’innestano a Venezia in un clima pittorico già orientato dalle esperienze decennali sulla luce di Virgilio Guidi e Mario Deluigi verso un’idea nuova di spazio pittorico (opere di Roberto Crippa, Gianni Dova, Cesare Peverelli, Virgilio Guidi, Mario Deluigi, Edmondo Bacci, Gino Morandis, Tancredi, Vinicio Vianello).
Azimut e dintorni si confronta con il vasto fermento creativo che, nell’ambito della fascinazione fontaniana, ha innescato la breve esperienza della rivista ‘Azimuth’ e della galleria Azimut, fondate da Piero Manzoni ed Enrico Castellani (opere di Piero Manzoni, Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Dadamaino, Paolo Scheggi, Alberto Biasi, Gianni Colombo, Turi Simeti, Remo Bianco, Ben Ormenese, Umberto Mariani, Paolo Radi).

La mostra prosegue con la sezione dedicata alle Strutture dello spazio, composta da artisti nelle cui ricerche, secondo individuali e personalissime declinazioni, le opere si articolano in rapporti inediti, sia formali che metaforici, con lo spazio (opere di Alberto Biasi, Cesare Berlingeri, Paolo Conti, Ivano Fabbri, Emanuela Fiorelli, Nunzio, Claudio Rotta Loria, Jorrit Tornquist, Ettore Spalletti).
Infine, l’esposizione si chiude con Una pittura nuova: l’approfondimento, inaugurato da Giuseppe Santomaso, di una visione tutta pittorica degli annunci di Fontana dove, appunto, la pittura diventa quasi sentimento o momento spaziale (opere di Gastone Biggi, Ennio Finzi, Riccardo Licata, Saverio Rampin, Giuseppe Santomaso, Fernando Picenni, Sandro Martini, Marcello DE Angelis e Domenico D’Oora).

La mostra è corredata da un catalogo bilingue italiano-inglese contenente i testi critici di Giovanni Granzotto, Leonardo Conti, Stefano Cecchetto, Dino Marangon, Mattia Pivato e Livia Sartori di Borgoricco, edito da De Bastiani Editore, posto in vendita in via promozionale alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea e al Museo della Cantieristica di Panzano (MU/CA) al prezzo di euro 25,00.

In occasione della mostra di Lucio Fontana, grazie alla collaborazione con il Comune di Monfalcone, Vino e Sapori FVG darà a tutti i visitatori la possibilità di aderire al Wine Club, la community dedicata a coloro che desiderano  essere sempre informati su promozioni e iniziative enoturistiche in Friuli Venezia Giulia.

Sarà possibile visitare la mostra fino al 2 marzo 2020, con sede espositiva presso la Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone, da giovedì a lunedì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

Il costo del biglietto è di € 5,00, con entrata libera per i residenti a Monfalcone, per i giovani al di sotto dei 25 anni e per gli over 75 indipendentemente da dove provengano oltreché per i giornalisti.

Immagini correlate:

We cannot display this gallery

Share this post

Lascia un commento

scroll to top