Hemingway, il Nobel nella laguna di Caorle: “Il vecchio e il mare”

NadiaPastorcich-61.jpg

Ph NadiaPastorcichTra le onde del mare, il profumo di salsedine e un leggero venticello, lunedì 27 luglio, quando il sole stava per baciare l’immensa distesa blu, nel bar Mosquito di Caorle si è svolto uno degli appuntamenti culturali di “Hemingway, il Nobel nella laguna di Caorle”, legato alla prima edizione del “Premio giornalistico Papa Ernest Hemingway”, organizzato dall’Associazione Culturale Onlus Cinzia Vitale – presieduta da Roberto Vitale. La conferenza “La cinematografia di Hemingway” ha visto come relatore Massimiliano Spanu, prof. all’Università degli Studi di Trieste, l’attore Lorenzo Acquaviva, e come moderatore il cineoperatore Simone Braca.
Durante questo incontro è stato esaminato dal prof. Spanu il film “Il vecchio e il mare” (1958) del regista John Sturges, tratto dall’omonima opera dello scrittore statunitense, con la quale vinse, nel 1953, il premio Pulitzer e nel 1954 il premio Nobel. Tra un’analisi e l’altra, l’attore Lorenzo Acquaviva ha letto alcuni pezzi tratti dall’opera di Hemingway, catturando, grazie alla sua interpretazione piena di enfasi, l’attenzione del pubblico, che si è lasciato trasportare dalle parole del grande scrittore statunitense.

Ambientato a Cuba, il film di Sturges inizia con un’inquadratura di un bambino per poi passare ad un controcampo del vecchio sulla barca; ciò mette in contrapposizione due momenti della vita: la giovinezza con la sua spensieratezza e semplicità e l’età avanzata con tutte le sue sofferenze, paure e pesantezze.
Sturges – ha ricordato il prof. Spanu – evidenza una doppia dimensione: uomo-natura, uomo-uomo. Il vecchio lotta con l’enorme pesce, con la natura un po’ matrigna; ma nel contempo c’è una discesa dell’uomo che lotta con se stesso. L’enorme distesa blu è “femmina” – così descritto da Hemingway nel suo testo e così messo in scena dal regista –; femmina che bisogna saper trattare nel giusto modo. La natura da un verso è imprevedibile, ostica, pericolosa, dall’altro è il luogo in cui il marinaio ritrova se stesso e l’avventura della vita.
Per quasi tutto il film, il protagonista si ritrova a parlare tra sé e sé, ed è proprio la voce over a illustrare allo spettatore i pensieri del marinaio. Ernest Hemingway è capace di evocare e costruire senso, e Sturges bravo nel ricreare cinematograficamente il testo dello scrittore, senza togliere nulla, senza banalizzare un’opera così tanto significativa, incisiva e profonda, quanto semplice e fluida.

Il vecchio e il mareIl Vecchio, interpretato da Spencer Tracy, è un personaggio con tutte le sue peculiarità e caratteristiche, dai toni accentuati, l’opposto del personaggio creato da Hemingway, che di personaggio non ha nulla: è una persona comune. D’altronde da sempre lui ha sottolineato il fatto di non voler inventare dei personaggi, ma delle persone. Non a caso la figura del Vecchio è ispirata a Gregorio Fuentes, anziano pescatore che Hemingway conobbe in uno dei suoi tanti soggiorni nell’isola di Cuba, dove si recava frequentemente per la pesca del pescespada.

La colonna sonora del film – vincitrice del premio Oscar – è una specie di marcetta, a volte un po’ zuccherosa e a volte un po’ drammatica, che sovrasta le raffinatezze recitative di Tracy; è una sorta di Debussy rivisitato – ha sottolineato il prof. Spanu. Un commento musicale in certi momenti banale, ma che nel contempo riesce perfettamente a sottolineare la doppia dimensione predominante in tutto il film.

Nelle ultime scene si vede un vecchio esausto, disteso sul letto a sognare; mentre un effetto flou restituisce allo spettatore la visione onirica del romanzo di Hemingway. Il tutto si conclude con un’inquadratura del mare, che fa emergere una certa solennità.

“Il vecchio e il mare” è il coraggio nella sconfitta (M. Spanu)

L’incontro si è concluso con un invito rivolto ai giovani, da parte del prof. Massimiliano Spanu, a riconsiderare le terre venete frequentate da Ernest Hemingway, sia dal punto di vista letterario che da quello cinematografico.

Default Gallery Type Template

This is the default gallery type template, located in:
/home/triestea/public_html/centoparole.it/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_gallery_display/templates/index.php.

If you're seeing this, it's because the gallery type you selected has not provided a template of it's own.

Nadia Pastorcich ©centoParole Magazine – riproduzione riservata.
Foto di Nadia Pastorcich

Immagini correlate:

Share this post

PinIt

Lascia un commento

scroll to top